Protocollo d'intesa ACB - AIBA : norme di autoregolamentazione in tema di passaggi di portafoglio

Considerato che ACB e AIBA hanno convenuto sull'opportunità di promuovere una maggiore collaborazione tra le Associazioni per sostenere interessi convergenti della categoria;
considerato che l'adozione di regole comuni ed univoche per comporre le controversie tra associati aderenti alle rispettive Associazioni riferite ai passaggi di portafoglio rientra tra gli obiettivi di comune interesse che le ACB e AIBA intendono favorire;
tenuto conto che entrambe le Associazioni hanno adottato le medesime regole sui passaggi di portafoglio e che le stesse sono riportate negli accordi di libera collaborazione rilasciate dalle compagnie alla categoria;
tenuto conto della necessità di circoscrivere comportamenti opportunistici degli Associati e di eliminare la conflittualità tra broker al fine di valorizzare il rapporto con il cliente;
tenuto conto che tale accordo non pregiudica l'autonomia delle rispettive Associazioni che in qualsiasi momento potranno intervenire attraverso gli organi statutari a modificare le norme in essere.
Tutto ciò premesso:
ACB e AIBA concordano di estendere l'applicabilità delle norme di autoregolamentazione in tema di passaggi di portafoglio anche nel caso di controversie tra broker appartenenti alle rispettive Associazioni;
gli iscritti ACB e AIBA si impegnano a promuovere l'applicazione delle norme di autoregolamentazione-passaggi di portafoglio- e a rispettarne l'osservanza nei casi aventi ad oggetto il conferimento di incarico ad un broker in concomitanza di un altro preesistente, anche nel caso di soggetti iscritti alle due distinte Associazioni.
A tal fine ACB e AIBA stabiliscono che:
In caso di contestazione circa la corretta attribuzione delle competenze provvigionali che non riguardino rapporti con clienti enti pubblici, è consentito al broker che si ritiene danneggiato dall'altrui comportamento, ricorrere al Collegio dei Probiviri dell'Associazione di appartenenza affinchè esprima un parere sulla questione.
Il Collegio dei Probiviri adito sarà chiamato ad esaminare la vertenza sulla base della relazione e della documentazione prodotta dal proprio Associato.
Il Collegio dei Probiviri adito, previa contestuale informativa all'Associazione cui appartiene il broker di controparte, richiede e acquisisce la documentazione e la relazione di controparte per esaminare la questione nella sua interezza. Esperita la fase istruttoria, il Collegio dei Probiviri adito, sottopone all'altra Associazione le proprie considerazioni e conclusioni.
Nel caso di condivisione e previa controfirma per adesione, le considerazioni e conclusioni sono rese note da ciascuna Associazione ai rispettivi Associati.
Qualora gli Associati non si attengano al contenuto delle considerazioni e conclusioni comunicate, le Associazioni si impegnano ad applicare le sanzioni previste dai rispettivi Statuti per le ipotesi di violazione del Codice Deontologico.
In caso di disaccordo, ACB e AIBA si impegnano a comunicare ai rispettivi Associati la circostanza che non è stata raggiunta un'opinione condivisa.
ACB e AIBA si impegnano a divulgare il presente accordo ai propri iscritti.
Milano/Roma 23 maggio 2013