APPELLO DEL SEGRETARIO GENERALE ONU AL SETTORE ASSICURATIVO

Il settore assicurativo è un attore chiave nel forgiare nuovi strumenti per anticipare e gestire i rischi climatici, ha detto il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon, sollecitando l'industria a continuare a lavorare con le Nazioni Unite per gestire e ridurre tali rischi e in ultima analisi, garantire un mondo più sostenibile per tutti.

"Il mondo ha bisogno della vostra leadership per affrontare la sfida del clima", ha detto Ban in una riunione tenutasi il 13 aprile scorso ad alto livello sulla resilienza con i leader del settore assicurativo e altre parti interessate presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

Sottolineando che "l'impatto del cambiamento climatico influenzerà ogni aspetto della nostra vita", il Segretario generale ha osservato che il settore assicurativo ha giocato un ruolo chiave al vertice sul clima nel 2014 ed è stato determinante nel mobilitare lo slancio per l’Accordo di Parigi nel dicembre 2015.

Il cambiamento climatico "colpisce profondamente" il core business del settore assicurativo perché l'industria dovrà affrontare indennizzi di una grandezza non ancora visti e anche perché le decisioni di investimento del settore possono dar luogo a rischi imprevisti; "al contrario, se si investe saggiamente, si potrebbero raccogliere nuovi premi - sia per le proprie imprese e la società in generale," ha detto il capo delle Nazioni Unite.

Ha ricordato l’Anticipate, Absorb, and Reshape’ l’iniziativa globale multi-stakeholder che ha lanciato lo scorso anno per aumentare la resistenza del clima. L'iniziativa - denominata 'A2R' - è stata lanciata a novembre da Ban Ki-moon e 13 agenzie del sistema delle Nazioni Unite, e mira a rafforzare la capacità dei paesi di anticipare i pericoli, assorbire gli urti, e rimodellare lo sviluppo per ridurre i rischi climatici.

Tra le azioni che il settore assicurativo dovrebbe intraprendere è includere più investimenti ecologici nei propri portafogli di investimento e, entro il 2020, misurare la propria impronta di carbonio. Inoltre, l'industria dovrebbe anche 'decarbonizzare' i propri investimenti in modo da non contribuire a crescenti emissioni di gas serra, ha detto il segretario generale. "Non basta semplicemente creare nuovi prodotti per rispondere alle catastrofi climatiche", ha sottolineato. "A circa $ 25 miliardi di dollari, si possiede alcuni dei più grandi portafogli di investimento del mondo. Le vostre decisioni di investimento sono cruciali per ridurre la crescita delle emissioni di anidride carbonica e la protezione contro financial disruption causata da assets non recuperabili. "

Ban Ki-moon ha anche sfidato l'industria a raddoppiare gli investimenti in energia pulita e a lavorare con le Nazioni Unite per garantire che la early warning e le early actions siano messi a disposizione dei paesi più vulnerabili entro il 2020, dal momento che più di un milione di persone hanno già perso la vita nelle catastrofi in questo secolo. Inoltre, ha detto che le persone più vulnerabili del mondo dovrebbero essere dotate di un maggiore accesso ai meccanismi di
trasferimento del rischio. "Le persone più povere e più vulnerabili - quelle che hanno fatto meno per provocare i cambiamenti climatici – supportano la necessità di ridurre la loro esposizione agli impatti climatici", ha detto il capo delle Nazioni Unite.

Infine, Ban Ki-moon ha sfidato il settore assicurativo a sviluppare standard verificabili nel settore che incorporino gli obiettivi di sviluppo sostenibile.
"Non è più sufficiente lavorare sui principi e le linee guida volontarie che non influiscono su decisioni vitali", ha detto. "Non è più sufficiente pensare che lo sviluppo umano è la responsabilità dei soli governi. Abbiamo pensato cosi sui cambiamenti climatici per anni. Ci siamo sbagliati. "

Fonte_ Agenzia di Stampa Settimanale_ 15_2016

Lunedì, 18 Aprile 2016