L'ISVAP RISPONDE :REGOLAMENTO ANTIRICICLAGGIO N. 41

<p>Pubblichiamo i quesiti formulati dall'Associazione all'ISVAP e la risposta dell'Autorità di Vigilanza in materia di antiriciclaggio</p> <p> </p> <p style="text-align: center;"><strong>QUESITO</strong></p> <p> </p> <p style="text-align: justify;"><em>Formuliamo la seguente al fine di chiedere chiarimenti in relazione alla corretta applicazione delle disposizioni normative relative all'adempimento dell'obbligo di formazione e aggiornamento in materia di antiriciclaggio.</em></p> <p style="text-align: justify;"><em>Nello specifico siamo a chiedere se:</em></p> <ol style="text-align: justify;"> <li><em>Gli <span style="text-decoration: underline;">intermediari iscritti nella Sezione B</span> del RUI <strong>devono dedicare ogni anno parte delle ore di aggiornamento professionale</strong> (ex art. 38 Reg. ISVAP 5) alla materia antiriciclaggio;</em></li> <li><em>I <span style="text-decoration: underline;">dipendenti e i collaboratori</span> degli intermediari iscritti nella Sezione B del RUI <strong>devono dedicare ogni anno parte delle ore di aggiornamento professionale</strong> (ex art. 38 Reg ISVAP 5) alla materia antiriciclaggio;</em></li> <li><em>I <span style="text-decoration: underline;">dipendenti</span> degli intermediari iscritti nella Sezione B del RUI <span style="text-decoration: underline;">che svolgono esclusivamente attività amministrative</span> di tenuta della contabilità <strong>devono avere una formazione in materia di antiriciclaggio</strong>.</em></li> </ol>
Martedì, 16 Ottobre 2012